Napoli: Ieri, oggi e domani perché la città eterna non è solo Roma

Se desideri visitare una città unica, autentica, originale passa per Napoli e immergiti nella quotidianità della città.

Leggi questa breve guida un po’ sui generis su cosa devi assolutamente fare durante un viaggio a Napoli.

Sia se stai organizzando un viaggio a Napoli in autonomia, sia in gruppo sia se vorrai godere del piacere di una guida turistica tutta per te grazie ai molti tour privati a Napoli organizzati dai vari tour operator, sappi che non puoi lasciarti sfuggire l’opportunità di fare alcune tappe.
Non puoi tornare a casa dopo un viaggio a Napoli senza prima aver:

  • Bevuto uno speciale caffè napoletano (magari sospeso);
  • Aver gustato una sfogliatella riccia o frolla l’importante è che sia napoletana;
  • Aver appagato la propria golosità con un autentico babà, non uno qualunque ma ‘o babà vero;
  • Aver mangiato una fetta di pastiera;
  • Aver mangiato un’autentica pizza, la vera pizza, la regina delle pizze.

Il caffè napoletano: ‘o cafè!

La storia del caffè a Napoli conta ormai molti secoli. Il caffè è sempre stato un ingrediente fondamentale della vita dei napoletani tant’è che nell’800 esistevano i venditori ambulanti di caffè che vendevano “’na tazzulella ‘e cafè” ai passanti. Oggi non esistono più questa professione ma, incontrando un amico non mancherà un:- “Ti posso offrire un caffè?” questa è una frase tipica dei napoletani perché, a Napoli, il caffè significa amicizia, convivialità!

Ah fate attenzione alle tazzine nei bar napoletani… scottano! Perché il caffè va bevuto bollente!

‘a sfugliatella

guida turistica napoli

La sfogliatella è un dolce tipicamente napoletano, conta già qualche secolo di età e la sua storia nasce propria sulla costiera amalfitana in un convento di clausura, quello di Santa Rosa. Un dolce dagli ingredienti semplici ma genuini ma con un profumo inebriante.

Ah sapete perché hanno questa forma triangolare? Perché ricordano il cappuccio dei monaci!

‘o babà

Parlando del dolce, ‘o babà, tipico napoletano, è un dolce a lievitazione molto lenta, di una consistenza soffice e dal sapore dolce e un po’ spiritoso al rhum.

Ah “babà” a Napoli significa due cose: “si nu’ babà” (riferito ad una persona), ‘o babà (riferito al dolce). In entrambi i casi babà sta ad intendere dolcezza, bellezza sia se riferito ad una persona sia se riferito al dolce.

‘a pastiera

Anche la pastiera è un dolce tipico napoletano e, come per la sfogliatella, i suoi ingredienti sono semplici e genuini: ricotta, frutta candita, grano e uova e fiori d’arancio. Il profumo che si sente passando davanti alle pasticcerie quando hanno da poco sfornato una pastiera è inebriante: i fiori d’arancio appagano l’animo…non va raccontata… va degustata!

La pizza margherita

visite guidate napoli

La pizza margherita merita molto di più che essere raccontata in poche righe di testo. Per scoprire la storia della pizza margherita, fatti consigliare una pizzeria da un napoletano, ordina una pizza margherita, siediti di fronte ad essa e fatti raccontare la sua storia dalla guida turistica del tuo tour privato a Napoli oppure dal primo napoletano che incontri… sarà musica per le tue orecchie!

Ecco, queste solo le specialità napoletane, questo è quel patrimonio di inestimabile valore che l’umanità deve conservare nei secoli, queste sono quelle tradizioni che i napoletani portano dentro il proprio cuore al di là di tutto perché non importa l’orientamento politico, la squadra del cuore, il ceto sociale, per un napoletano il caffè, la sfogliatella, o’ babà, la pastiera e la pizza sono un culto!

Quindi, non puoi dire di essere stato a Napoli se durante il tuo soggiorno non hai degustato l’essenza della vita napoletana che fa da corredo alle bellezze storiche della città. Se stai valutando l’opportunità di prenotare un tour privato a Napoli sappi che la guida turistica che ti accompagnerà, essendo napoletana e conoscendo i luoghi e le tradizioni della città, ti faciliterà in questa meravigliosa avventura.

Anteprima

Lascia un commento