Incontrarsi in chat… Quali rischi per la nostra psiche?

Negli ultimi anni i siti di incontri on line hanno aperto nuove modalità di approccio tra le persone.

La facilità attraverso la quale riusciamo ad entrare in contatto con l’altro, semplicemente scorrendo l’indice sulla tastiera dello smartphone, minimizza le nostre paure del rifiuto ed inoltre ci garantisce la convenienza di passare da una chat all’altra rendendo infinite le possibilità di accoppiamento.

Sono diversi i ricercatori psicologi che hanno iniziato a mettere in discussione l’utilità di questi siti. Cresce pertanto la preoccupazione sulla nostra capacità di socializzare se privati di schermi che ci mettono al riparo da un’esposizione reale verso l’altro.

Ma quali sono le conseguenze dannose per la nostra psiche?

1 – Azzeriamo i rischi aumentando le ricompense

La vita reale ci espone continuamente a responsabilità e rischi che derivano dalle nostre ed altrui scelte. Tendenzialmente cerchiamo di evitare sofferenze o spiacevoli esperienze attraverso l’utilizzo di siti di incontri.

La presenza di profili dettagliati e foto, ci garantisce sin da subito un rapido check su chi abbiamo dall’altra parte dello schermo. Basta un rapido click per iniziare una conversazione, a patto che l’altro manifesti lo stesso interesse.

La garanzia che deriva dalla scarsa esposizione ai sentimenti negativi come ad esempio il rifiuto e la paura di non piacere, porta gli utenti on line ad esporsi molto di più rispetto a quanto farebbero nella vita reale.

Attraverso questa possibilità non usciamo dalla nostra “zona di comfort” che ci rende tranquilli di poter conoscere una persona attraente senza il rischio di essere feriti. Secondo i ricercatori questa tendenza potrebbe portare nei prossimi anni all’esponenziale aumento delle difficoltà nelle relazioni sociali.

Non assumendoci il rischio di sperimentare i fallimenti nel legame con l’altro, il risultato sarà quello di diventare sempre meno capaci di interazioni faccia a faccia.

2 – Perché limitarsi ad una sola scelta?

Le innumerevoli possibilità di scegliere partner e di passare da una persona all’altra con grande rapidità, sta orientando le persone verso una diminuzione di investimenti duraturi nelle relazioni.

Perché accontentarsi di un unico partner quando se ne possono, potenzialmente, avere molti? Il risultato di questo pensiero sono relazioni deboli e prive di valori autentici. Entrare in contatto con persone nuove ogni giorno e di accedere al sesso così facilmente, sta portando la massa verso tendenze di menefreghismo e distacco emotivo.

3 – E le capacità di comunicazione?

Nella comunicazione umana ci sono molte componenti che interagiscono tra loro. Queste sono di tipo verbale e non verbale. La voce, le parole, lo sguardo, la postura, l’espressione del viso, tutto questo garantisce che i messaggi che emettiamo arrivino al partner connotati di aspetti logici ed emotivi.

Con l’utilizzo di schermi e tastiere tutte queste componenti che arricchiscono la comunicazione diventano inutili. Secondo lo psichiatra Dan Siegel della UCLA School of Medicine, i social media stanno apportando importanti modifiche alle nostre connessioni cerebrali. Con la diminuzione delle interazioni faccia a faccia, i nostri cervelli stanno affinando la capacità di decodificare forme lineari di comunicazione.

Decodificando parole scritte attiviamo principalmente il nostro emisfero sinistro, mentre nella comunicazione dal vivo utilizziamo soprattutto il destro, principale responsabile dell’elaborazione delle emozioni. Continuando ad interagire attraverso sms e chat, stiamo “disattivando” l’area destra del nostro cervello.

4 – L’illusione della chat

Per sentirci attratti da qualcuno giocano un ruolo estremamente importante tutti gli aspetti della comunicazione umana. I movimenti, gli sguardi, il tono della voce, fino ad arrivare all’odore dell’altro. Non si può prescindere da questo per trovare l’amore.

Quando utilizziamo una chat per trovare l’anima gemella, manca l’80% del quadro su quella persona. Bisogna ricordare che è proprio la naturalezza dei contatti reali che ci permette di capire se l’altro è o meno, la persona che fa per noi.

Siamo di fronte ad una cultura dal facile accesso a qualsiasi cosa desideri. Ci sono cose nella vita, come le relazioni, che richiedono tempo, impegno e profonda comprensione.

 

Articolo a cura di : Dott.ssa Laura Tullio

Anteprima

Lascia un commento