Come scegliere il proprio fotografo di matrimonio.

L’organizzazione di un matrimonio è un processo che richiede da un minimo di 6 mesi a, nei casi più estremi, 2 anni. Gli sposi dovranno valutare tantissimi dettagli organizzativi e passare in rassegna, e quindi ingaggiare, svariati fornitori.

Tra i vari professionisti coinvolti, alcuni hanno più peso degli altri.

È per esempio il caso del fotografo di matrimonio, il professionista che con il suo obiettivo dovrà rendere eterni i momenti più emozionanti del giorno dei si.

In questo articolo vedremo come scegliere il proprio fotografo matrimonio al fine di rimane soddisfatti ed evitare le brutte sorprese.

Per prima cosa selezionate un gruppo di circa 5-6 fotografi che operano nell’area in cui vi sposerete e che a livello di stile fotografico incontrano i vostri gusti. Procedete quindi a richiedere loro attraverso il loro sito web, un preventivo personalizzato.

Una volta ricevuta la quotazione, scremate ulteriormente la vostra selezione al fine di rimanere con non più di 2-3 nominativi. Per fare questa scrematura badate ovviamente al rapporto qualità-prezzo, ma senza andare troppo al risparmio. Ricordate che le foto del matrimonio rimarranno per sempre e non potete permettervi un lavoro scadente.

A questo punto potete organizzare gli incontri conoscitivi con i fotografi selezionati. L’incontro conoscitivo è fondamentale in quanto vi permette di capire se il professionista che avete davanti è davvero la persona che fa per voi.

Quando si sceglie un fotografo, è anche un po’ questione di chimica. Ricordatevi che con lui dovrete passare molte ore, tra foto dei preparativi, della cerimonia, foto di coppia ecc… Non potete scegliere una persona che non vi piace o che non vi fa sentire a vostro agio, soprattutto se non avete familiarità con l’obiettivo della macchina fotografica.

L’incontro conoscitivo ti permette anche di capire se avete di fronte un professionista o viceversa uno improvvisato o peggio ancora un abusivo. I fotografi di matrimonio abusivi rovinano il settore, ma fortunatamente sono abbastanza facili da individuare. Per prima cosa i fotografi abusivi non hanno partita iva e questo lo potete dedurre dal loro sito web.

Secondariamente propongono preventivi oltremodo vantaggiosi e questo perchè, non pagando le tasse, se lo possono permettere. Infine quando chiedete loro delucidazioni sull’ammontare del preventivo danno risposte fumose su prezzi e dettagli logistici. Tenetevi lontani da questi personaggi se non volete che le vostre foto di matrimonio ne risentano.

Se il fotografo selezionato rispetta tutti questi requisiti non c’è motivo per non ingaggiarlo. Firmate il contratto che vi proporrà e versategli il primo acconto sull’ammontare del preventivo. Per il resto potete rilassarvi e mettervi con fiducia nelle sue mani, infondo è il suo lavoro. Non preoccupatevi di come verranno le foto, lui farà in modo che abbiano la massima resa e bellezza.

Anteprima

Lascia un commento