Vai a…
RSS Feed

ultime notizie

giovedì 26 Novembre 2020

Gualtieri: “Tasse giù con il cuneo, modulo Irpef dal 2022”


Il ministro dell’Economia e delle Finanze: “Riforma del fisco in 3 anni, a partire dal 2021 l’assegno unico”

 

La Nadef indica “uno scenario prudente, con la stima di una contrazione del Pil del 9%” nel 2020: la vera sfida da affrontare perché le stime possano essere sorpassate consiste nel contenimento del virus. Riteniamo che le misure di monitoraggio e di contrasto dell’epidemia unite all’attenzione e alla cautela da parte di tutti noi e la capacità di dispiegare una rete di protezione economico sociale come quella finora messa in campo consentiranno di limitare ricadute negative sull’attività economica”. Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione sulla Nota di aggiornamento al Def.

La riforma fiscale sarà messa in campo in un orizzonte “triennale attraverso una legge delega che si raccorda alla riforma strettamente connessa che intendiamo adottare già a partire dal 2021” cioè l’assegno unico per i figli. Così il ministro dell’Economia. “Stiamo approfondendo in raccordo con il percorso parlamentare della legge delega le modalità e i tempi per l’assegno unico universale”.

“Stiamo riflettendo e valutando un ulteriore prolungamento della moratoria sui crediti” per le imprese “che scade attualmente il 31 gennaio”, ha inoltre detto Gualtieri in audizione sulla Nota di aggiornamento al Def (Nadef), rispondendo alle domande dei senatori.

“Le tasse non aumenteranno ma si ridurranno l’anno prossimo, ci sarà a regime per 12 mesi la riduzione sostanziale dell’Irpef attraverso l’estensione annuale della della riduzione del cuneo fiscale che quest’anno è partita a luglio, e ci sarà la fiscalità di vantaggio per il Sud per tutto l’anno. Già questi due elementi determineranno una riduzione” delle tasse, ha continuato Gualtieri. Anche la riforma fiscale “punta a una riduzione fiscale che noi intendiamo realizzare nel triennio perché sarà composta di vari moduli, ma il modulo principale cioè quello della riforma dell’Irpef vogliamo che sia operativo dal 1 gennaio 2022”.

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daEconomia

About Redazione,

×
Il nuovo quotidiano online di informazione a carattere nazionale www.lagazzettaditalia.it cerca giornalisti e aspiranti giornalisti da inserire in redazione. La collaborazione si svolge da casa e prevede la scrittura di brevi articoli (settori principali: politica, esteri, economia, cultura, ambiente, tecnologia, salute, sport, cronaca e news locali).

La collaborazione, per il primo periodo, non prevede compenso. Offriamo: - Possibilità di crescita professionale e affiancamento nella stesura degli articoli da parte di giornalisti professionisti. - Possibilità di ottenere il tesserino da giornalista pubblicista legalmente riconosciuto dall'Ordine dei Giornalisti - Possibilità di stabilire liberamente tempi e modi di collaborazione in base alle possibilità e agli impegni.


Richiediamo: - la passione per la scrittura giornalistica , la voglia di metterti in gioco, la voglia di imparare e migliorarsi. Costituiscono punti di favore per la selezione: - età compresa tra 20 e 26 anni - percorso di studi (anche in corso) orientato verso il mondo del giornalismo - Esperienza, anche minima, in altre testate o blog.

Se interessati spedire una mail completa di breve presentazione, C.V. e link ad eventuali contenuti già pubblicati all'indirizzo

lagazzettaditalia.autore@gmail.com

 - Si risponderà solo alle mail complete di informazioni e giudicate interessanti.

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, 
e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.