Vai a…
RSS Feed

ultime notizie

giovedì 26 Novembre 2020

Manovra, assegno unico fino a 200 euro


Nel Dpb compare la proroga di vari bonus edilizi, dall’ecobonus al bonus facciate, ma non del 110%

Restituire “fiducia” a un Paese prostrato dalla crisi del Coronavirus, e dare slancio a una ripresa che rimane a portata di mano nonostante la nuova impennata dei contagi. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con accanto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, manda un messaggio rassicurante, a due giorni dal varo di una legge di Bilancio che stanzia “risorse significative, nonostante il contesto difficile che stiamo attraversando”. Una manovra che “non aumenta le tasse” e, anzi, pone le basi per la riforma del fisco, su cui si comincerà a lavorare “da subito”, con “il primo tassello” dell’assegno unico per i figli. L’assegno arriverà “fino a 200 euro a figlio”, annuncia il ministro dell’Economia, spiegando che per il 2021 il governo sta dispiegando “70 miliardi per la ripresa” tra i 39-40 della manovra e i 31 lasciati in eredità dai decreti per l’emergenza, dal Cura Italia fino al decreto agosto. La parte del leone, in questo caso, la fa la sterilizzazione definitiva delle clausole di salvaguardia Iva, per 19 miliardi, mentre altri 12 sostengono alcuni degli interventi lanciati quest’anno e che proseguiranno il prossimo, come il piano cashless – pronto a partire da dicembre, con un primo rimborso a febbraio sulle spese di Natale – o il superbonus al 110%.

Proprio sull’incentivo alle ristrutturazioni green, nelle stesse ore, scoppia il caos: “E’ folle non estendere il superbonus”, tuonano i parlamentari M5S. “è una rivoluzione, è impensabile non darle gambe prolungandola almeno per tre anni”. L’agitazione dei cinque stelle è motivata dalle tabelle contenute nel Documento programmatico di Bilancio che il governo ha inviato a Bruxelles per un primo esame della manovra “a fine mese”, come ha ricordato il commissario Paolo Gentiloni: nel Dpb compare la proroga di vari bonus edilizi, dall’ecobonus al bonus facciate, ma non del 110%. In sostanza la misura, che è comunque già finanziata per i lavori avviati fino a dicembre 2021, al momento non sarà prorogata con la legge di Bilancio perché, è la spiegazione che si affrettano a dare dal governo, arriverà “con i fondi del Recovery Plan”. La decisione, assicurano dal Mef, è già stata presa, si tratta solo di attendere quindi “l’allocazione delle risorse” europee.

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daEconomia

About Redazione,

×
Il nuovo quotidiano online di informazione a carattere nazionale www.lagazzettaditalia.it cerca giornalisti e aspiranti giornalisti da inserire in redazione. La collaborazione si svolge da casa e prevede la scrittura di brevi articoli (settori principali: politica, esteri, economia, cultura, ambiente, tecnologia, salute, sport, cronaca e news locali).

La collaborazione, per il primo periodo, non prevede compenso. Offriamo: - Possibilità di crescita professionale e affiancamento nella stesura degli articoli da parte di giornalisti professionisti. - Possibilità di ottenere il tesserino da giornalista pubblicista legalmente riconosciuto dall'Ordine dei Giornalisti - Possibilità di stabilire liberamente tempi e modi di collaborazione in base alle possibilità e agli impegni.


Richiediamo: - la passione per la scrittura giornalistica , la voglia di metterti in gioco, la voglia di imparare e migliorarsi. Costituiscono punti di favore per la selezione: - età compresa tra 20 e 26 anni - percorso di studi (anche in corso) orientato verso il mondo del giornalismo - Esperienza, anche minima, in altre testate o blog.

Se interessati spedire una mail completa di breve presentazione, C.V. e link ad eventuali contenuti già pubblicati all'indirizzo

lagazzettaditalia.autore@gmail.com

 - Si risponderà solo alle mail complete di informazioni e giudicate interessanti.

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, 
e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.