Vai a…
RSS Feed

ultime notizie

giovedì 26 Novembre 2020

Covid: ressa per tamponi, Asl Pescara avvia indagine interna


Il Dg si scusa con gli utenti. Presto un nuovo ‘centro tamponi’

Indagine conoscitiva alla Asl di Pescara, “volta ad individuare eventuali criticità e alla loro immediata risoluzione”, per quanto riguarda la vicenda della ressa che si è creata ieri all’esterno dell’ospedale per le troppe persone in coda per i tamponi. Lo annuncia la stessa azienda sanitaria in una nota, sottolineando che si sta lavorando per allestire un “centro tamponi” allo Stadio Adriatico. Ieri le immagini degli assembramenti hanno fatto il giro dei social, non senza polemiche.
Il direttore generale, scusandosi dell’accaduto e fortemente dispiaciuto, è intervenuto tempestivamente nel richiedere un’indagine conoscitiva del caso”, si legge in un comunicato in cui la Direzione generale ribadisce che “si sta adoperando con la massima celerità per attuare tutte le misure necessarie per fronteggiare l’emergenza in atto e per far fronte alla crescente richiesta da parte dell’utenza”.
“Solo nella giornata di ieri – fa sapere l’azienda sanitaria – sono stati effettuati 301 tamponi a studenti e 69 ad altri cittadini, e già la Direzione generale ha individuato nuovi e più idonei spazi in grado di consentire un maggiore distanziamento, quale un centro tamponi presso lo stadio Adriatico di Pescara”.
“Ad oggi – prosegue la nota – le prenotazioni per i tamponi vengono effettuate attraverso una piattaforma web che attribuisce un orario di appuntamento in forma automatizzata.
Gli appuntamenti hanno inizio alle ore 11 e terminano alle ore 13. Tutti i soggetti che dovevano sottoporsi a tampone avevano una prenotazione con orario prestabilito”. Per quanto riguarda la vicenda di ieri, la Asl sottolinea che “parte dei prenotati era già presente alle ore 10,30, arbitrariamente” e che “la medesima organizzazione viene utilizzata abitualmente e anche nel pomeriggio della stessa giornata non si sono verificati disguidi o inconvenienti”. All’origine dei problemi, secondo l’azienda sanitaria, potrebbe esserci il fatto che una dirigente scolastica abbia invitato gli alunni di tre classi a presentarsi contemporaneamente alla stessa ora.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altre storie daCovid-19

About Redazione,

×
Il nuovo quotidiano online di informazione a carattere nazionale www.lagazzettaditalia.it cerca giornalisti e aspiranti giornalisti da inserire in redazione. La collaborazione si svolge da casa e prevede la scrittura di brevi articoli (settori principali: politica, esteri, economia, cultura, ambiente, tecnologia, salute, sport, cronaca e news locali).

La collaborazione, per il primo periodo, non prevede compenso. Offriamo: - Possibilità di crescita professionale e affiancamento nella stesura degli articoli da parte di giornalisti professionisti. - Possibilità di ottenere il tesserino da giornalista pubblicista legalmente riconosciuto dall'Ordine dei Giornalisti - Possibilità di stabilire liberamente tempi e modi di collaborazione in base alle possibilità e agli impegni.


Richiediamo: - la passione per la scrittura giornalistica , la voglia di metterti in gioco, la voglia di imparare e migliorarsi. Costituiscono punti di favore per la selezione: - età compresa tra 20 e 26 anni - percorso di studi (anche in corso) orientato verso il mondo del giornalismo - Esperienza, anche minima, in altre testate o blog.

Se interessati spedire una mail completa di breve presentazione, C.V. e link ad eventuali contenuti già pubblicati all'indirizzo

lagazzettaditalia.autore@gmail.com

 - Si risponderà solo alle mail complete di informazioni e giudicate interessanti.

Il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, 
e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03.